Astroarchitettura: Aldo Rossi l’architetto della Caffettiera

Astroarchitettura di Aldo Rossi

“Astroarchitettura come conoscere il mondo di un architetto attraverso il suo tema natale

Astroarchitettura: Aldo Rossi l’architetto della Caffettiera

Tema astrale d’astroarchitattura dell’architetto Aldo Rossi. Nasce a Milano il 3 magio del 31 putroppo non conosciamo la sua ora di nascita e pertanto metteremo le ore 12.00.

Lui è un toro ascendente leone, ed ha ben 6 elementi in terra, 6 elementi in fuoco, 3 in acqua e 0 in aria. Il suo pianeta dominante è il Sole  e il suo pianeta più debole è Urano. Nel suo tema natale vediamo subito la presenza di Nettuno in prima casa, che mi fa ricordare sia il mondo intrauterino che la sua formazione avvenuta a Lecco vicino il lago. La presenza di Nettuno in prima casa mi fa  pensare a una persona che tende molto a rivivere il periodo dei fiori di una sinistra radical chic a un infanzia vissuta in maniera in un mondo tutto suo.

La sua prima casa si trova si nel segno del leone con la dodicesima casa che nel segno della vergine in prima casa. Questo mi fa immaginare  a un infanzia piena di regole e di pudore. Non a caso studia a Lecco presso i Padri Somaschi. L’architetto poi si laurea presso la facoltà di architettura di Milano con il prof. Piero Portaluppi (terza casa in bilancia).Nella sua quarta casa notiamo un bel trigono tra la Luna che si trova al 28 grado dello scorpione e Chirone che si trova nel segno dei pesci e Nettuno nel segno della vergine come a dire che questi pianeti hanno coronato la sua astroarchitettura in maniera unica e universale con un linguaggio evoluto e internazionale.

Saturno e Plutone

In sesta casa abbiamo Saturno in sesta casa nel segno del Capricorno, in opposizione a Plutone nel segno del cancro. La quale opposizione gli crea grandi dubbi visto le forte presenze terrene. Parlerei anche di conflitti, visto nel tempo l’architetto ha perduto questa bella presenza nettuniana che aveva in prima casa. Per privilegiare la parte saturnina e plutonica della sua vita, non a caso sposa una donna svizzera madrelingua tedesca. Che va a rinforzare questa “sofferenza tipica degli artisti teatrali”. Da un punto di vista astrologico la sua astroarchitettura è tipicamente Plutonica e Saturnina.

Rinforzata a sua volta da una forte presenza nei segni di terra. La presenza di Saturno in sesta casa nel segno del capricorno trasmette un senso razionale alla sua architettura. Utilizzando molto il modulo del quadrato è come dire un architettura tipicamente vetruviana o ” Brutelesc architecture “. Il suo Saturno in Capricorno con (circa 6 pianeti in terra e 6 in fuoco) rende il suo lavoro molto essenziale e privo di decorazioni. Non a caso a livello astrologico la sua firma è nel segno del capricorno, che è un segno tipicamente invernale e freddo.

Lilith in Pesci

La sua Lilith in pesci è in ottava casa, come a dire un forte rammarico per aver perduto una sua parte legata alla spiritualità. La Liltih in pesci è come che lui avesse un perenne mancanza. E colma questa colpa in ottava casa (casa della morte) attraverso la progettazione o l’accettazione di edifici pubblici, come teatri, Ville, Cimiteri, Scuole con la famosa caffettiera , che rispecchia la sua attitudine plutoniana. Nella sua nova casa abbiamo la presenza di venere come a confermare che lui era destinato a sposare Sonia Gessner, attrice naturalizzata italiana ma nata in Svizzera. Come sappiamo la nona casa è la casa che rappresenta l’estero, le religione e la conoscenza.

Vi è comunque da dire che Aldo Rossi ha Mercurio angolare al Medio Cielo e questo lo rende oltre ad essere un eccellente e premiato architetto internazionale, un ottimo comunicatore con un grande talento teatrale e cinematografico. Aldo Rossi si spenge a Milano il 4 settemre 1997  a causa di un incidente stradale. Guardando i suoi transiti vediamo il suo Marte di nascita che si oppone a Giove e Urano nel segno dell’acquario trigono al suo Urano di nascita. Come dire se Marte ti fa cadere da cavallo Urano ti fa cadere dall’aereo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*