Astrologia ed Ascolto: Ascoltare l’universo astrologico

Astrologia ed Ascolto
Astrologia ed Ascolto

Astrologia e ascolto 

Partendo dalla punta di una  piramide e dovendo scegliere  tra le due parole Astrologia ed Ascolto direi obbligatoriamente che sulla punta della piramide dobbiamo mettere la parola ascolto, rappresentandola con un grande orecchio e per essere più precisi un orecchio destro. Negli anni novanta durante il mio periodo parigino ho avuto l’onore di vivere a Parigi un paio d’anni ed essere formato personalmente da Alfred Tomatis, maggiore esperto dell’ascolto.

Essendo lui un medico è chiaro che non possiamo fare confusione  tra ascolto e astrologia, ma è utile  utilizzare gli strumenti di conoscenza  che  Tomatis ci ha lasciato per comprendere meglio altri aspetti della “conoscenza universale” per   associarli  a una spiegazione medico e scientifica,  semplificando di molto la comprensione di tanti fenomeni che apparentemente sembrano esoterici e a volte non veritieri. Questo aspetto è importante non sottovalutarlo, perché  ci può far comprendere che non bisogna andare lontano in mondi esotici o mistici per fare certe esperienze ma anzi bisogna viver sempre  nel presente per “risolvere” al meglio il nostro quotidiano. 

La lingua e il linguaggio..

Per farvi un piccolo esempio, (che vi spiegherò nel tempo le componenti medico scientifiche per non andare fuori tema). Molti italiani di madrelingua italiana cercano l’elevazione attraverso mantra e canti sciamanici, essendo italiani non occorre che si infilano in situazioni che a loro non  appartengono per motivi linguistici-neuronali. Le persone possono raggiungere lo stesso obiettivo energetico cantando in napoletano italiano o gregoriano; che credetemi è molto più difficile se è fatto in maniera giusta. Tornando a noi  e cerchiamo di linkare alcuni aspetti importanti  che ci possono tornare utile per comprendere meglio la meccanica celeste e la meccanica dell’ascolto universale. 

Ascoltare l’Universo

Molti di noi avranno sicuramente sentito parlare di Chakra e di relazione tra pianeti e parti del corpo, detto in questo modo bisogna credere ai chakra… le quali  sono delle ruote energetiche che si trovano in specifiche zone del corpo. Nel  quotidiano si usa la parola avere il chakra bloccato o avere il chakra scarico  e molti operatori sono “in grado di sbloccare i chakra” e via discorrendo. Bene; vediamo ora ad una spiegazione più vicina alla scienza, per spiegare la relazione tra pianeti chakra e corpo.Se vi ponessi la seguente domanda: secondo voi i chakra sono collegati tra di loro? Ed i pianeti tra di loro? Come possono i pianeti condizionare i chakra e  la vita di una persona?

Il grande buco nero dell’astrologia e riuscire a spiegare come arriva l’influsso del pianeta sulla persona e come ne può condizionare la vita e le scelte.

Pianeti segni e vibrazioni

Tutti parlano di pianeti di segni zodiacali d’influssi suoni riverberazioni e vibrazioni ma l’uomo come riceve e come percepisci tutto ciò? E come ne è condizionato? Nessuno ne parla e nessuno lo spiega. Ogni processo di comunicazione esoterico e non esoterico ha bisogno di un canale, dove viaggia il messaggio o la vibrazione.

Nel nostro caso i canali sono principalmente due la via aerea e la via ossea (Mercurio e Saturno). Il canale principale è l’aria dove il messaggio viaggia attraverso una certa velocità la quale è regolata da una pressione atmosferica che ne regola la velocità grazie all’impedenza acustica come per esempio un luogo caldo secco e umido. 

L’impedenza acustica dei luoghi

L’impedenza acustica inoltre oltre a regolare la velocità del suono e della vibrazione ha la facoltà di modulare e formare la lingua in senso stretto come ad esempio inglese-americano, portoghese-brasiliano. Facendo subito intendere che l’evoluzione della lingua è dovuta non al cambiamento grammaticale ma al cambiamento della località perché la velocità dell’aria cambia.In sintesi è la pressione atmosferica comprime i nostri corpi e le nostre orecchie in particolare modo l’orecchio destro il quale è l’orecchio direttivo del linguaggio, tutto ciò ci fa  assumere comportamenti abitudini e stili di vita. 

Cosa è l’ascolto aereo e l’ascolto osseo

L’ascolto aereo è molto più vicino al sentire (mercurio),  invece l’ascolto osseo ossia l’ascolto saturniano è l’ascolto profondo che viene grazie alla vibrazione ossea, provenendo dal suolo o dalla nostra stessa voce e dalla vibrazione dei pianeti lenti che tendono a trasformare in maniera profonda il nostro stato di coscienza. Ecco perché i pianeti lenti ci  fanno paura perché ci insegnano a maturare e lavorare per molti anni in maniera molto profonda.Il mio maestro mi spiegava che i grandi cantanti d’opera di una volta in Russia, lavoravano per oltre 7 anni  sui suoni e dopo il 7° anno cominciavano a cantare.

In astrologia come mi insegna la mia insegnante Grazia Mirti  la quale mi sta accompagnando per mano in questo passaggio nel mondo dell’astrologia, mi insegna che il pianeta Saturno è molto più difficile da gestire in giovane età che in età matura e questo fa chiaramente intendere che più noi usiamo la nostra voce infantile ( voce aerea Mercurio); più sarà difficile gestire la presenza di un pianeta lento. Contrariamente più usiamo la nostra voce matura ( voce ossea Saturno) più sarà facile accettare ed evolvere. É chiaro che la chiave di tutto ciò è “l’accettazione di noi stessi ” e della nostra realtà circostante. Il pianeta non fa niente altro che sollecitare a migliorarci dipende però dalla nostra “resistenza psichica al cambiamento”. Avendo fatto questa prima e credo complessa introduzione vediamo in dettaglio la relazione tra orecchio, postura, pianeti ed organi. Abbiamo parlato fino ad ora di via aerea e via ossea, ma cosa accada quando queste informazioni arrivano al nostro cervello da cui fa scaturire un determinato comportamento o sentimento? 

Perché accade tutto ciò?

Il primo grande e difficile passaggio che è complesso da comprendere è dovuto al fatto che il 99% della popolazione parla del cervello umano in maniera molto vaga perché tutti ne sanno poco.. il messaggio prima di arrivare al cervello passa per le orecchie di cui ha una prima selezione e comprensione sia a livello di significato che a livello di frequenze sonore. Che possono essere ascoltate e non ascoltare in base alla capacità d’ascolto della persona. Dalle orecchie partono tutti i muscoli del corpo anche quegli degli occhi perché le orecchio debbono organizzare oltre al sentire anche “l’equilibrio” è questo fa si che tutti i muscoli del corpo sono inseriti nel ganglio di scarpa. 

La relazione tra Chackra e nervo vago

Dal ganglio di scarpa parto due nervi che sono il nervo vago e nervo pneumogastrico. Questi due nervi che partono da entrambi le orecchie passano per degli organi che nel gergo esoterico sono definiti chakra, vediamo ora quale sono: meningi, orecchio, faringe, nervo glosso faringeo, muscolo del collo, nervo spinale, nervo laringeo superiore, laringe, ricorrente destro, diramazione bronchi, diramazione coronarie, diramazione esofago, ricorrente sinistro, intestino tenue, colon discendente, sigmoide, retto, ano, fegato, cistifellea, anastomosi con il plesso pelvico, anastomosi con il plesso sacro.L’aspetto importante notare che tra questi due nervi ve ne uno dominante ossia quello destro, a livello astrologico avendo un nervo dominante come meglio dire anche una lateralità d’ascolto dominante e come dire avere il Sole dominante o la Luna dominante nel proprio tema natale.

Pertanto un ascolto destro sarà un ascolto più solare aperto ed espansivo, un ascolto sinistro sarà un ascolto più lunatico riservato e più difficile da gestire rischiando di essere un ascolto che rende la persona dipendente da altri e poco autonomi a livello emotivo. Questo  perché tutti  noi siamo certi delle nostre certezze, dove attacchiamo dei quadri su queste  mura mentali di certezza con dei significanti e significanti che ci fanno vedere le cose con sfumature differenti. Senza però andare veramente in profondità di noi stessi per effettuare un cambiamento ma anzi rimanere fossilizzati a rischio di diventare falsi profeti. 

Il cambiamento della persona

L’argomento è molto grande e molto complesso, in quanto  quando si parla di “ascolto” si parla di universo ed essendo entrambi infiniti ognuno arriva dove può, tutto ciò chiaramente è accettabile perché è umano ma è molto difficile da comprendere in maniera profonda e completa.Tornano alla parte iniziale cercando di rimanere in un territorio linguistico semplice e comprensibile, vediamo ora quali potrebbero essere le relazione tra le due discipline, vi anticipo che il mio insegnante mi spiegava sempre per arrivare a comprendere tutto ciò a sempre usato testi indiani e letto attentamente la bibbia più volte per creare la scienza dell’ascolto.

Ed ha  sempre fatto notare che non si è mai inoltrato in altri settori e non è mai entrato in merito ad altre forme energetiche visto che l’orecchio è in grado di ascoltare suoni udibili e non udibili. Ed essendo l’orecchio composto da muscoli e migliorando la capacità d’ascolto si migliora la percezione. Per sintetizzare quanto detto il concetto di base è che l’uomo percepisce il mondo esterno e  gli influssi planetari  e sociali attraverso l’orecchio e la cute che mandando poi queste informazioni al cervello e il cervello elabora per come può. Una volta ricevuti queste vibrazioni il corpo risponde solo per ciò che è in grado di comprendere ed ascoltare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*